Appunti
&
Varie
Il cubo 5x5x5
Sezione
Rubik


Torna a Sezione Rubik

Indice degli argomenti


Il cubo 5x5x5 (originariamente detto "Professor Cube")

Un altra tra le varianti più popolari del cubo di Rubik è il cubo 5x5x5 originariamente commercializzato come "Professor Cube". Anche in questo caso l'aumento del numero di elementi serve ad aumentare notevolmente la complessità e la lunghezza in termini di tempo della risoluzione del cubo stesso, oltre ovviamente a presentare nuove problematiche. In compenso il cubo 5x5x5, come tutti i cubi NxNxN con N dispari, non presenta i "casi di parità" dei cubi con N pari, per cui è relativamente più semplice, seppure richiede ugualmente un certo impegno. Anche in questo caso, come per il 4x4x4, possiamo dire che non esiste una vera e propria misura standard di questo tipo di cubo, per cui da un modello all'altro vi sono differenze anche evidenti. Il modello della Shengshou in foto misura circa 63 mm di lato e pesa circa 165g, ben più piccolo dell'equivalente della Rubiks, ed ha dimensioni e peso all'incirca pari a quelle del 4x4x4 della Shengshou, rispetto al quale presenta però elementi (cubetti) più piccoli. Verrà usato come esempio in questa pagina.


Il cubo 5x5x5 della Shengshou

Il cubo 5x5x5 della Shengshou

La meccanica del cubo 5x5x5 anche se più complessa di quella del 3x3x3 resta più semplice di quella del 4x4x4 e degli altri cubi di ordine pari in genere, in quanto non necessita degli elementi interni che consentono la costruzione di una intelaiatura che si muove sotto la superficie dei centri dei cubi pari, i pezzi si incastrano qua gli uni contro gli altri ed i centri chiudono il tutto. Esternamente il cubo si presenta come un insieme di 5 x 5 faccette x 6 facce = 150 faccette colorate, divise nei colori classici. Le plastiche sono dei soliti colori nero e bianco, in alcuni modelli anche altri colori, vi sono versioni tiles (con le "piastrelle" di plastica sulle facce al posto delle etichette). Gli elementi che lo costituiscono sono 54 centri (9 centri per faccia) ciascuno di un colore, 36 spigoli (gruppi di tre degli stessi due colori per 12 spigoli) e i soliti 8 vertici (di tre colori). Il numero di combinazioni possibili è circa 2,83 x 10^74. Per altre informazioni vedere la pagina Wikipedia.

Identificare facce e movimenti

Per il cubo 5x5x5 possiamo utilizzare la stessa notazione che si è vista per il cubo 4x4x4, ovvero indicare le facce (strati) esterne come per il 3x3x3 con le lettere maiuscole F = front, B = back, U = up, D = down, R = right, L = left e i movimenti con le stesse lettere se si riferiscono a rotazioni di 90° in senso orario, seguite da un apostrofo ' se sono di 90° in senso antiorario e seguite da un numero  2 se sono di 180°, e con le stesse lettere minuscole (e le stesse convenzioni per le rotazioni) quando indicheremo gli strati interni immediatamente adiacenti a quelle esterne (r = strato destri interno adiacente a R, ecc.), e con le lettere appaiate quando indicheremo le rotazioni di due strati appaiati, come (Rr) per indicare di ruotare contemporaneamente gli strati R e r di 90° in senso orario.

In alcuni tutorial (fra cui quelli allegati ai cubi Shengshou), viene usata la lettera T maiuscola per indicare la rotazione di uno strato assieme (e nello stesso senso) di quello adiacente, così ad esempio TR equivale a (Rr).

Nel cubo 5x5x5 possiamo aggiungere la rotazione degli strati interni in asse al cubo, ossia ai centri fissi, in modo analogo al 3x3x3, è una notazione meno usata ma in alcuni algoritmi si trova, anche per semplificare rispetto al ruotare il resto del cubo. Potremo quindi indicare con M la rotazione dello strato mediano fra R, r e L, l di 90° in senso orario, M' la stessa in senso antiorario (quindi verso chi manovra il cubo), M2 la rotazione di 180°, lo stesso per E (strato mediano fra U, u e D, d) e S (strato mediano fra F, f e R, r).

Metodi di risoluzione

Anche per il cubo 5x5x5 possiamo individuare alcuni metodi risolutivi che sono in parte quelli già visti per il 4x4x4 ovvero:
Ovviamente i tempi saranno in media più lunghi rispetto a quelli del 4x4x4, ma non abbiamo il problema degli "errori di parità" caratteristici dei cubi di ordine pari, che peraltro non sempre si verificano.

Nella risoluzione del cubo 5x5x5, più precisamente nella costruzione dei centri e dei gruppi di tre spigoli, occorre tenere presenti alcune caratteristiche di movimento dei pezzi centro e dei pezzi spigolo che dipendono dalla meccanica stessa del cubo.

Elementi del cubo 5x5x5

Elementi del cubo 5x5x5

Nell'immagine sopra vediamo gli elementi che costituiscono il cubo 5x5x5. Ogni centro è costituito da 9 quadratini dello stesso colore apparentemente uguali, ma in realtà meccanicamente collegati agli altri in modo diverso: il pezzo centrale, indicato con il n° 1, è fisso e può solo ruotare, i pezzi disposti sugli assi del quadrato costituito dai 9 centri, indicati dai numeri 2, possono scambiarsi di posto con altri analoghi e occupare solo posizioni sugli assi, i pezzi agli angoli del quadrato, indicati dai numeri 3, possono solo scambiarsi con altri pezzi che occupano posizioni analoghe e occupare solo posizioni agli angoli del quadrato. Non potremo quindi spostare un pezzo che occupa una posizione di tipo 2 al posto di un pezzo che occupa una posizione di tipo 3 e viceversa e tantomeno non potremo spostarli al posto di un pezzo centrale (tipo 1).

Analogamente per gli spigoli: gli elementi spigolo posti nel mezzo del terzetto (posizione 4) ossia in asse al cubo, non possono spostarsi ai lati del terzetto, ossia al posto di uno degli elementi che occupano le posizioni a contatto con i vertici (posizione 5). I vertici si spostano invece liberamente da una posizione vertice all'altra, come in tutti i cubi.

Risolvere il cubo 5x5x5 con il metodo a strati /riduzione

Risolvere il cubo 5x5x5 con il metodo a riduzione significa essenzialmente due cose:
dopodiché risolveremo il cubo semplicemente come un 3x3x3, senza i problemi di parità del 4x4x4 (e dei cubi pari) con il metodo che vogliamo, a strati o altro. La costruzione dei centri e dei terzetti di spigolo è un poco più laboriosa e lunga in termini di tempo di quelle analoghe del 4x4x4.

Il cubo 5x5x5 mescolato (scramble)

Il cubo 5x5x5 mescolato (scramble)

1 - COSTRUZIONE DEI CENTRI

Costruire i centri del cubo 5x5x5 è relativamente semplice, se si è capaci a costruire quelli del 4x4x4, il procedimento è simile. E' però preferibile procedere per file di 3 centri, partendo dal pezzo in mezzo. Scelto un colore si comincia con il primo centro la cui costruzione ci consente molta libertà di movimento, si ruotano le facce su cui si trovano gli elementi centro di tipo 2 in modo da portali ai lati dell'elemento di tipo 1 e si costruisce la fila centrale, poi si costruiscono allo stesso modo le due file laterali all'esterno di questa faccia (per non toccare la fila già costruita) e si traslano sulla faccia scelta.

Il trucco per spostare le file di tre elementi a fianco delle altre già sistemate sul centro è lo stesso del cubo 4x4x4 dove ruotavamo mezzo cubo per volta e poi ruotavamo la faccia in costruzione di 180° per spostare i pezzi a lato, poi risistemavamo la metà del cubo ruotandola in senso contrario a come fatto in precedenza: qua ruotiamo 2/5 del cubo ovvero uno strato esterno e quello interno adiacente.

ESEMPIO DI COSTRUZIONE DEI CENTRI DEL DEL CUBO 5x5x5
Scelto un colore (es. bianco) si comincia
 a costruire la fila centrale degli elementi
costituenti il centro 3x3
Costruiamo poi una fila laterale su
una faccia esterna a quella del colore
scelto
La orientiamo in modo favorevole e la
spostiamo a fianco quella già sistemata
Costruiamo poi la terza fila esternamente
alla faccia del colore scelto senza alterare
il lavoro fatto sinora

Sistemiamo anche questa a fianco alle
altre e abbiamo completato il primo
centro

Costruiamo la striscia centrale di un
centro di un altro colore (es. arancione)
e poi le strisce laterali senza alterare il
lavoro fatto sinora
Sistemiamo la nuova striscia a fianco
a quella centrale
Prepariamo la terza striscia (di colore
 arancione)
E completiamo il secondo centro,
spostandola a fianco quelle già presenti
Si procede così affiancando le file formate a quelle presenti con il sistema di allinearle a quelle presenti, come nel 4x4x4, e
ruotare due facce adiacenti per portarle sulla faccia in costruzione, poi le si porta di lato (ruotando questa di 180°) e
si riportano le due adiacenti come erano prima ricostruendo il resto del cubo

E' sempre consigliabile controllare ogni volta se i centri già ultimati si siano ricomposti dopo le operazioni o se abbiamo sbagliato qualche cosa. Gli ultimi due centri dovranno essere costruiti praticamente in contemporanea ma vi sono situazioni dalle quali, per la scarsa possibilità di movimento, potremmo non sapere risolvere, in questo caso abbiamo a disposizione due algoritmi che, volendo, potrebbero essere comunque usati per sistemare tutti gli elementi centro (ma è più veloce, finché si può, costruire le file una alla volta). Questi due algoritmi riescono a sistemare scambiare due elementi centro di tipo 2 e due elementi centro di tipo 3 senza alterare il resto del cubo, sono quindi particolarmente utili per completare gli ultimi due centri.

ALGORITMI PER GLI ULTIMI 2 CENTRI
Per scambiare 2 elementi centro di tipo 2 posizionati come in figura Per scambiare 2 elementi centro di tipo 3 posizionati come in figura
Per scambiare 2 elementi centro di tipo 2 posizionati come in figura eseguire (Rr)' F' M' (Rr) F M Per scambiare 2 elementi centro di tipo 3 posizionati come in figura eseguire (Rr) U (Rr)' U (Rr) U2 (Rr)'

Il secondo algoritmo è facile da ricordare perché richiama uno degli algoritmi del cubo 3x3x3 (anche se l'effetto è diverso). Non dovrebbe essere ormai un problema posizionare gli elementi centro nella posizione richiesta per eseguire le manovre. Al termine della costruzione dei centri avremo una situazione del cubo di questo tipo:

I sei centri completati

I sei centri completati


2-AFFIANCARE ED ORIENTARE GLI SPIGOLI

La fase successiva consiste nel creare i terzetti di elementi spigolo, orientati correttamente, ovverto con i tre elementi tutti orientati nello stesso modo (non ha importanza per ora come sono orientati rispetto ai centri) in modo analogo a come si faceva con il cubo 4x4x4. In questo caso però non possiamo dire che basta creare 11 terzetti su 12 (come nel cubo 4x4x4 bastava creare 11 coppie su 12) perché, a differenza del cubo 4x4x4, nel cubo 5x5x5 l'ultimo terzetto potrebbe crearsi con l'elemento centrale orientato in modo opposto agli altri due, nel qual caso bisogna ribaltarlo con un apposito algoritmo.

Costruire i terzetti può avvenire in vari modi, uno dei più semplici è accoppiare uno dei due elementi spigolo (laterali nel terzetto) di tipo 5 a quello (centrale nel terzetto) di tipo 4 con un algoritmo derivato da quello che si usava nel cubo 4x4x4 per creare le coppie di spigoli, poi, con lo stesso algoritmo (o il suo speculare), aggiungere il terzo elemento (sempre di tipo 5) alla coppia creata. Ma vi sono anche altri algoritmi utili, con un po' di pratica si utilizzeranno quelli più comodi alle situazioni che si incontrano. Ovviamente se vi sono terzetti già formati con tutti i tre elementi orientati correttamente ci risparmieremo un po' di lavoro. Se invece sono formati ma con un elemento centrale orientato diversamente possiamo ribaltare quest'ultimo con un algoritmo apposito. Per il resto basteranno le solite mosse sulle facce esterne per posizionare gli elementi in modo comodo per eseguire i nostri algoritmi, ricordando che lavorando solo sulle facce esterne non corriamo il rischio di dividere i terzetti già formati.

ALGORITMI PER CREARE I TERZETTI DI SPIGOLI
Accoppiare uno spigolo tipo 5 con uno tipo 4 Operazione speculare alla precedente
Per accoppiare uno spigolo tipo 5 con uno tipo 4, posizionarli
come in figura ed eseguire (Dd)' F L' U F' L (Dd)
Si scambiano due spigoli come in figura
Operazione speculare alla precedente (se non si riescono a
 posizionare come nella foto precedente o comunque per
 velocizzare se si trovano così) eseguire (Dd) F' R U' F R' (Dd)'

Nella seconda immagine si vede già una coppia di spigoli precedentemente creata sul lato sinistro, aggiungendo il terzo elemento si crea il terzetto con tutti i tre elementi orientati allo stesso modo.

ALTRI ALGORITMI UTILI PER CREARE I TERZETTI DI SPIGOLI
Se abbiamo un elemento centrale orientato diversamente dagli altri Se vogliamo spostare uno spigolo centrale in mezzo ad altri due dobbiamo sistemarli come in figura
Se abbiamo un elemento centrale orientato diversamente dagli altri
in un terzetto di spigoli degli stessi colori si può usare l'algoritmo
(Rr)2 B2 U2 (Ll) U2 (Rr)' U2 (Rr) U2 F2 (Rr) F2 (Ll)' B2 (Rr)2. I tre spigoli si orientano nello stesso modo e si spostano in
posizione BD
Se vogliamo spostare uno spigolo centrale in mezzo ad altri due
dobbiamo sistemarli come in figura ed eseguire l'algoritmo
(Rr)2 B2 (Rr)' U2 (Rr)' U2 B2 (Rr)' B2 (Rr) B2 (Rr)' B2 (Rr)2. I tre spigoli si orientano nello stesso modo e si spostano in
posizione BD

Con questi algoritmi ed un po' di pazienza potremo affiancare ed orientare i terzetti di spigoli del cubo. Da qua in avanti la risoluzione sarà con un qualsiasi dei metodi del cubo 3x3x3.

Il cubo 5x5x5 ormai "ridotto" ad un semplice 3x3x3

Il cubo 5x5x5 ormai "ridotto" ad un semplice 3x3x3

3-COMPLETAMENTO SECONDO UN METODO A STRATI DEL CUBO 3x3x3

Brevemente vediamo il cubo nelle fasi di risoluzione secondo il primo dei metodi a strati riportati nella pagina del cubo 3x3x3. Ormai conosciamo tutte le fasi e le relative mosse.

Costruiamo la "croce bianca" sulla faccia superiore

Costruiamo la "croce bianca" sulla faccia superiore


Posizioniamo orientati tre dei quattro vertici dello strato superiore

Posizioniamo orientati tre dei quattro vertici dello strato superiore


Posizioniamo orientati gli spigoli della fascia mediana

Posizioniamo orientati gli spigoli della fascia mediana


Posizioniamo orientato l'ultimo vertice dello strato superiore

Posizioniamo orientato l'ultimo vertice dello strato superiore


Capovolto il cubo si costruisce la "croce gialla"

Capovolto il cubo si costruisce la "croce gialla"


Completiamo la "croce gialla" sistemando i terzetti di spigoli ai loro posti

Completiamo la "croce gialla" sistemando i terzetti di spigoli ai loro posti


Posizioniamo i vertici dell'ultimo strato al loro posto

Posizioniamo i vertici dell'ultimo strato al loro posto


Orientiamo i vertici dell'ultimo strato e anche il cubo 5x5x5 è completato !

Orientiamo i vertici dell'ultimo strato e anche il cubo 5x5x5 è completato !

Varianti del cubo 5x5x5

Come per il cubo 4x4x4, attualmente (2013) non vi sono molte varianti del cubo 5x5x5 sul mercato, in pratica si trovano versioni in plastica bianca e nere, versioni stickerless (senza stickers, ovvero con il colore delle facce ottenuto differenziando il colore delle parti che compongono i singoli elementi), versioni con stickers lucide (le classiche) e "ruvide". Avremo inoltre differenze interne, ovvero nel meccanismo, in base alle scelte tecniche delle varie ditte costruttrici.

N.B.:questo sito non utilizza cookies in nessun modo, per maggiori informazioni vedere la pagina Informativa cookies

*

Attenzione: questa pagina fa parte del sito www.msmountain.it. Se stai leggendo questa pagina, o parte del suo contenuto, in un altro sito, o se trovi la stessa pagina priva di questa dicitura, si tratta di una riproduzione non autorizzata il cui contenuto può anche differire dalla pagina originale. Eventualmente puoi segnalare la pagina sospetta al webmaster - (c) 2015 - www.msmountain.it - Tutti i diritti riservati, nessun contenuto di questa pagina può essere riprodotto senza autorizzazione. Per informazioni sul copyright vedi Nota del webmaster.

*