Escursione
EC15
Castello di Villa (mt. 860)
Belvedere (mt. 962)
Bandiera (mt. 921)
Valle di
Ayas

Arrivo al Castello di Villa (9 agosto 2018)

Arrivo al Castello di Villa (9 agosto 2018)



Ultimo aggiornamento della pagina: 11-08-2018

Partenza: Challand Saint Victor, Loc. Parcheggio per Lago di Villa (mt. 869)
Difficoltà: E/E+ la variante
Periodo consigliato: marzo/ottobre
Dislivello: dal parcheggio al castello circa 19 mt. in salita e 28 in discesa, dal castello al Belvedere circa 102 mt. in salita, dal belvedere al poggio della Bandiera circa 109 mt. in discesa e 61 in salita, dalla Bandiera al lago circa mt. 92 in discesa e 7 in salita, dal lago al parcheggio circa mt. 40 in salita. I valori sono basati sulle quote rilevate dal gps che possono non essere precisissime.
Segnavia: 2, s.n. (attenzione: in questa zona tutti i sentieri portano lo stesso n° 2 senza varianti A,B, ecc.)
Tempi percorrenza:  dal parcheggio al castello ore 0.15, dal castello al Belvedere ore 0.15, dal Belvedere al parcheggio passando dal Lago di Villa ore 0.40 (totale ore 1.10), variante per Bandiera ore 0.10 andata e ore 0.10 ritorno (totale con variante ore 1.30)
Acqua: fontane a Ville
Note: veloce passeggiata in ambiente di interesse storico oltre che naturalistico (Riserva Naturale del Lago di Villa). Possibili collegamenti con il Col d'Arlaz e numerose varianti (si veda la pagina dell'escursione EV02).
Precauzioni particolari: nessuna se non si sale al Monte Tuc, sentiero che si stacca dal percorso principale per il poggio della Bandiera poco evidente e ripido nella parte finale
Equipaggiamento particolare: nessuno, consigliate comunque scarpe trekking e bastoncini
Tracciato GPS: tracciato_106. In corsivo nel testo i riferimenti ai waypoint del tracciato GPS.
Immagine tracciato GPS: clicca qui
Mappa Open Street Map: OSM Mapnik




PREMESSA

Questa escursione vuole illustrare solo uno dei possibili percorsi che si possono effettuare sfruttando i diversi sentieri che si sviluppano attorno al Lago ed al Castello di Villa (o Ville come si usa dire recentemente francesizzando il toponimo, ma in molte carte è riportato Villa e poiché la denominazione del castello era quella a me non pare sia il caso di cambiarla, così come per il lago), situato a Challand Saint Victor. La zona è raggiungibile in auto svoltando a sinistra sulla strada regionale della Val d'Ayas, poco dopo il capoluogo e superando Nabian sino ad arrivare ad un piccolo parcheggio dove un castello illustra l'area, prima di un divieto di transito. Oltre questo limite si sviluppano strade agricole percorribili solo se autorizzati che collegano anche con il Col d'Arlaz. poiché i sentieri sono numerosi (e a tal proposito si fa notare che nella zona del castello sono stati tutti numerati come 2 senza differenziare le vaie tratte, il che rende la numerazione inutile e crea solo confusione), le escursioni possibili sono limitate solo dalla fantasia dell'escursionista. Un elenco di parte delle possibilità si trova nella pagina dell'escursione EV02 - Lago di Villa da Torille alla quale si rimanda anche per una introduzione più completa, dove viene data come partenza la fraz. Torille di Verres per illustrare un percorso un po' diverso e più impegnativo, mentre i sentieri nella zona del castello e del lago sono di difficoltà fra escursionistico e turistico, perlomeno i principali. Il Belvedere è invece una cima che non ha altra denominazione, facilmente raggiungibile dai suddetti sentieri, dalla quale per la sua posizione centrale si domina tutta la zona.

Il poggio della Bandiera (o Monte della Bandiera), è un promontorio roccioso che strapiomba su Torille dal quale si ha un ampio panorama sulla valle centrale e sulla Valle di Chamdepraz, su cui negli ultimi anni è stata posizionata una bandiera italiana che lo rende visibile da lontano. Si raggiunge con una piccola variante dal percorso principale che richiede un poco di attenzione su un sentiero poco evidente nel bosco. Poiché il percorso può essere collegato a quello dell'escursione EV02, la salita da Torille sino al lago, al M. Tuc ed. eventualmente al Belvedere ed al castello potrebbe considerarsi una escursione impegnativa di tutto rispetto. Non sono al corrente di denomiunazioni ufficiali di questa cima.  Questa pagina quindi vuole illustrare anche questa cima poco conosciuta, anzi spesso ignorata, facile da raggiungere con un panorama spettacolare.

Nota: la quota del poggio della bandiera qua riportata (921 mt) è rilevata dal gps, dalle curve di livello iTopo e da quelle analoghe di openStreetMap però la cima sembrerebbe trovarsi ad una quota di 870-880 mt. Poiché la cima non compare sulle mappe, il dato verrà aggiornato al prossimo rilievo. Per segnalazioni in merito a questa cima contattatemi a mezzo email.

ITINERARIO DAL PARCHEGGIO LAGO VILLA A CASTELLO E BELVEDERE (Sent. 2, tracciato GPS n° 106), difficoltà E

Si parte dal piccolo parcheggio situato in prossimità del divieto di transito sulla strada che dalla SR 45 della Val d'Ayas porta al Lago di Villa. Oltre il divieto la strada resta asfaltata ma diventa agricola e percorribile solo se autorizzati. Da questo parcheggio proseguendo sulla strada per pochi minuti e scendendo un ampio sentiero che si stacca da essa a sinistra in una ampia curva, si arriva al Lago di Villa. Il percorso per il castello invece ha inizio proprio di fronte al parcheggio, sul lato sinistro guardando in direzione del lago (a destra invece ha inizio un sentiero con installazioni artistiche che collega a delle strade agricole che salgono silo al Col d'Arlaz). Poco sopra la strada troviamo un primo bivio: a destra si sale direttamente verso il Belvedere (è il percorso da seguire se si asseconda la numerazione dei pannelli naturalistici), a sinistra si sale direttamente verso il castello che peraltro è ben visibile salendo dalla strada asfaltata, un poco più basso del parcheggio da cui siamo partiti. In realtà il sentiero, ben largo, sale in un bel bosco intersecando prima un altro che proviene da Ville (palina, a destra si sale anche qua verso il Belvedere), proseguiamo diritti sino ad una quota massima di circa 888 mt dove di nuovo abbiamo una biforcazione (bivio castello, a destra di nuovo per il Belvedere, la prenderemo al ritorno) e anche qua proseguiamo diritti. Da qua il sentiero prende a scendere rapidamente, troviamo un terzo bivio (bivio targnod) dove proseguiamo sempre diritto (a destra si scende a Targnod, come nell'escursione EV02), dopo altri tratti in discesa si fuoriesce su un poggio su cui si trova un tavolo picnic in tronchi di legno. Il sentiero piega leggermente verso destra e raggiunge il castello in corrispondenza di un ponticello in pietra su una piccola gola dove un tempo vi era un ponte levatoio e lo aggira dal lato verso la valle, sino all'ingresso (Castello Villa, 0.15 ore dalla partenza, 0.30 totali). Da questo punto il sentiero, evidenziato da uno steccato, prosegue oltre al castello per scendere direttamente a Ville in corrispondenza della vecchia latteria.

Per salire al Belvedere occorre tornare in circa 5 minuti sino al bivio già attraversato bivio castello e svoltare verso sinistra, si sale su un poggio ove è presente uno steccato panoramico e poi si prosegue a salire oltrepassando un secondo steccato e un sentiero che si congiunge salendo da destra (proviene dal primo bivio che avevamo incontrato salendo). Più avanti si arriva ad una palina posizionata alla destra di una collinetta che non è altro che la nostra cima Belvedere, si raggiunge in circa 15 minuti dal castello. Qua a circa 962 mt siamo nel punto più alto dell'escursione. Sulla cima una serie di pannelli ed un tavolo con panche sono di ausilio al visitatore. Dalla cima lo sguardo spazia sulla valle centrale, sullo Zerbion e sul sottostante Lago di Villa.

RIENTRO

Per tornare al punto di partenza ed eventualmente collegarsi al poggio della Bandiera, dal Belvedere occorre scendere a destra (cioè dalla parte opposta a quella da cui siamo saliti). Il sentiero è sempre ben evidente, con alcuni gradoni in terra e anche pietra e non richiede particolare attenzione. Dopo neanche 10 minuti si individua un bivio (bivio lago) che nel 2018 non presenta indicazioni (ma è il primo che si trova e facilmente riconoscibile). In questo punto il sentiero principale prosegue nettamente nella direzione opposta a quella da cui proveniamo e con una ampia curva giunge al parcheggio da cui siamo partiti in circa 10 minuti (non è altro che il sentiero che al bivio appena sopra la strada saliva a destra che abbiamo ignorato). Quello leggermente meno evidente e più ripido che si stacca verso sinistra (cioè si allontana dal parcheggio e dalla strada asfaltata) è quello che porta verso il lago, scende a tratti un po' più ripidi allontanandosi sempre dalla strada sino ad uno stretto tornante a gomito dove è posto, nel 2018, un tozzo ometto (bivio bandiera, ore 0.20 dal Belvedere, ore 0. 50 totali), ovvero il punto in cui si stacca il sentierino che porta al poggio della Bandiera.

Ignorando la variante per la Bandiera dovremo proseguire verso destra, lasciando a sinistra il sentierino appena accennato per la suddetta cima. Tornando finalmente in direzione della strada (ma in realtà siamo spostati ben più a nord) arriveremo sino ad una sterrata in piano  nel bosco (pod, ore 0.10 dal bivio tuc, ore 1.00 totali). Svolteremo verso destra e ad un bivio della strada (bivio pod) a sinistra e poi di nuovo a destra (se a bivio pod svoltiamo a destra saliamo direttamente alla strada asfaltata prima del lago), sino a passare a fianco l'Alpe del Lago e poi ad arrivare al lago stesso (circa 5 minuti da quando abbiamo preso la poderale). Siamo nell'ampio prato a fianco al lago, a sinistra vi è il sentiero che sale da Torille, dinanzi a noi il precorso disabili che scende dalla strada (che segue gran parte della sponda del lago) e, seminascosta a destra vi è la prosecuzione del sentiero che giunge da Torille che sale direttamente alla strada asfaltata. Da qua o dal percorso disabili si sale sulla strada e, svoltando a destra, la si segue sino al parcheggio di partenza (circa 5 minuti dal lago, circa 1.10 totali).

VARIANTE: SALITA AL POGGIO DELLA BANDIERA (Sent. s.n., tracciato GPS n° 106 ), difficoltà E+

La salita al poggio della Bandiera viene qua data come variante in quanto il percorso, seppure molto breve, è meno evidente e leggermente più difficoltoso del resto dell'escursione. Scendendo dal Belvedere come detto si trova un sentierino poco evidente che si stacca dalla tratta che collega al lago, in corrispondenza di una curva a gomito ed è evidenziato da un tozzo ometto. Il percorso poco evidente fra fitti alberi, nonché a tratti su roccette ed erbe che possono risultare scivolose, richiede un po' di attenzione, meriterebbe di essere sistemato. Ci si abbassa leggermente per poi salire in un bosco sino alla base di una cima nascosta dagli alberi ove nel 2018 una freccia con scritto "Bandiera" indica la direzione di salita. Si sale con attenzione ed eventualmente aiutandosi con i bastoncini e le mani, lungo la traccia poco visibile ma comunque sicura sino a fuoriuscire su un poggio erboso su cui c'è un ometto in pietra (quota 928 mt circa). Si prosegue leggermente sulla destra sino ad un secondo ometto abbassandosi leggermente seguendo una gobba di roccia e piccoli prati sino ad arrivare al termine del promontorio ove un ometto sorregge una bandiera italiana aiutato da alcune corde con bandierine di origine tibetana (Bandiera, ore 0.10 dal bivio tuc). Dal poggio lo sguardo spazia sulla valle centrale, strapiomba su Torille e su Verres, un po' nascosto. Da l M. Tuc sono inoltre visibili gli alpeggi che si incontranno salendo da Torille. Notare che in realtà il punto più alto non è dove è posizionata la bandiera ma appena prima, al'ultimo ometto.

RIENTRO

Si ripercorre lo stesso sentiero sino all'ometto tozzo di bivio tuc in circa 10 minuti (attenzione in discesa) e da qua seguendo il sentiero che si era abbandonato e la sterrata si arriva al lago e poi si sale alla strada asfaltata (circa ore 1.30 totali).


Mappa su base OpenStreetMap (clicca sull'immagine per ingrandire)

Mappa su base OpenStreetMap (clicca sull'immagine per ingrandire)


N.B.:questo sito non utilizza cookies in nessun modo, per maggiori informazioni vedere la pagina Informativa cookies

*

Attenzione: questa pagina fa parte del sito www.msmountain.it. Se stai leggendo questa pagina, o parte del suo contenuto, in un altro sito, o se trovi la stessa pagina priva di questa dicitura, si tratta di una riproduzione non autorizzata il cui contenuto può anche differire dalla pagina originale. Eventualmente puoi segnalare la pagina sospetta al webmaster - (c) 2018 - www.msmountain.it - Tutti i diritti riservati, nessun contenuto di questa pagina può essere riprodotto senza autorizzazione. Per informazioni sul copyright vedi Nota del webmaster.

Galleria fotografica dell'escursione
Escursioni Gallerie fotografiche Rifugi e bivacchi Mappe schematiche

*

Avic Images Ayas Voyages Around my world Appunti e varie
Home Page