Escursione
EC08
Anello Orbeillaz -
Colle d'Arlaz - Flambeau d'Arlaz
Variante: collegamento Orbeillaz - Eresaz (mt. 1161)
Valle di
Ayas

Nel valloncello boschivo ai piedi del M. Ros, sullo sfondo il Flambeau d'Arlaz (29 maggio 2010)

Nel valloncello boschivo ai piedi del M. Ros, sullo sfondo il Flambeau d'Arlaz (29 maggio 2010)



Ultimo aggiornamento della pagina: 29-08-2015
Partenza: Challand Saint Anselme, fraz. Orbeillaz (mt. 1121)
Difficoltà: E+
Periodo consigliato: aprile/ottobre
Dislivello: 86 mt da Orbeillaz al Colle d'Arlaz (in discesa), 138 dal colle al ponte sulle condotte (in salita), 52 dal ponte ad Orbeillaz (in discesa), 131 mt dal Colle d'Arlaz ad Eresaz più alcuni saliscendi (in salita).
Segnavia: segnale n°31, n°5 (tratto nel bosco), n° 32, qualche segno giallo semicancellato, rari ometti nel bosco, n° 3-4 per il collegamento con Eresaz. Nota il sent. 32, poichè ha lo stesso numero di quello per il bacino idrico, dovrebbe diventare 32B con la sistemazione della numerazione di luglio 2012.
Tempi percorrenza: ore 0.45 da Orbeillaz al Colle d'Arlaz, ore 0.55 dal colle al Flambeau d'Arlaz, ore 0.40 dal Flambeau ad Orbeillaz (tempo totale ore 2.20, percorso circolare), dal bivio6 (inizio variante) ad Eresaz circa ore 1 (ritorno stesso tempo)
Acqua: partenza (fontane varie), Eresaz (fontane varie).
Note: passeggiata in parte di difficoltà T, in parte di difficoltà E+ a seconda delle zone
Precauzioni particolari: nessuna da Orbeillaz al Colle d'Arlaz, tratti nel bosco con scarse indicazioni, tratti su pietraia e terreno disagevole (ma sono perlopiù rocce non scivolose, attenzione a quelle eventualmente sconnesse), arbusti ed erbe dal bivio4 al Flambeau d'Arlaz, sentiero abbastanza sgombro da erbe nel 2015 dal Flambeau al bivio1.
Equipaggiamento particolare:scarpe da trekking medio/impegnativo, bastoncini da nordic walking se si adotta questa tecnica (da Orbeillaz al colle percorso molto indicato).
Tracciato GPS: tracciato_49 per l'anello, tracciato 65 per la vaiante di collegamento con Eresaz. In corsivo nel testo i riferimenti ai waypoint del tracciato GPS.
Immagine tracciato GPS: tracciato 49, tracciato 65
Mappa Open Street Map: OSM Mapnik




PREMESSA

IL Ru d'Arlaz (o d'Arla) è un percorso di moderata pendenza che collega la zona del laghetto artificiale di Brusson con il Colle d'Arlaz dal quale si scende nella valle centrale presso Montjovet. Il percorso qua presentato collega le escursioni EC04 - Flambeau d'Arlaz ed EC07 - Orbeillaz - Colle d'Arlaz, di difficoltà T con l'aggiunta di un collegamento che sfrutta gli antichi sentieri nel bosco utilizzati un tempo localmente per spostarsi fra Eresaz  e Challand S.V. / Orbeillaz (numerati 3 e 4). Attualmente questi sentieri versano in uno stato di totale abbandono e si sviluppano in parte in zona boschiva (ma di boschi molto belli a vedersi) con scarse indicazioni ed in parte su pietraie disagevoli (tratti semifranati ed invasi da erbe ed arbusti spesso spinosi) per evitare che vengano affrontati con leggerezza da persone avvezze solo a percorsi di tipo T (come le due escursioni sopracitate) e perchè è comunque richiesta una certa capacità di individuare il sentiero, si è preferito riportare questo tracciato come escursione a sé stante, anche per suggerire il senso di percorrenza qua descritto che consente una maggior individuazione della traccia qualora poco evidente. La tratta dal Flambau verso Orbeillaz è abbastanza visibile e "pulita" nell'estate 2015.

Il percorso totale dell'anello è circa 5,300 Km. Per la minor presenza di erbe ed arbusti infestanti in primavera, nonché per la quota relativamente modesta alla quale ci si trova a muoversi, è consigliato come percorso di allenamento di inizio stagione o autunnale. Per maggiori dettagli si consiglia la lettura delle descrizioni delle suddette escursioni EC04 ed EC07. E' in ogni caso una bella escursione a quote basse, in luoghi selvaggi e nascosi poco lontani dalle strade asfaltate e dall'abitato, che andrebbe valorizzata con adeguate segnaletica e manutenzione dei sentieri, anche in virtù del collegamento con Eresaz.

ITINERARIO DA ORBEILLAZ AL COLLE D'ARLAZ (sent. 31, tracciato GPS n° 49), difficoltà T

Raggiungere Orbeillaz, fraz. di Challand Saint Anselme, svoltando a sx (salendo) nel capoluogo poco a monte del municipio e seguendo le indicazioni per il Colle Tzecore per poi inoltrarsi nella frazione tralasciando una seconda indicazione per il Colle Tzecore a destra (waypoint Orbeil, poco dopo l'inizio dell'escursione EC06). Oltrepassare la cappella e svoltare a dx seguendo la strada sino ad una piazzetta ove si trova una fontana rimodernata recentemente (orbeft) con due vasche, una in pietra (alimentata dall'acquedotto) ed una in legno (sorgiva) dove la strada si biforca. Tralasciata la diramazione a destra, che sale verso il bacino idrico ed il M. Ros (escursione EC05), proseguiamo a sx sino ad un piccolo parcheggio ed all'inizio del percorso numerato sentiero 32 (32B nella nuova carta di luglio 2012) per il Colle d'Arlaz (già partenza dell'escursione EC04 al Flambeau d'Arlaz).

Il percorso segue il canale denominato Ru d'Arlaz che in questo punto torna allo scoperto dopo aver attraversato tutto il villaggio al di sotto della strada asfaltata che qua è stata descritta. E' una strada in terra, recentemente asfaltata nei primi metri per dare accesso ad alcune abitazioni private sottostanti. Lo seguiamo giungendo in pochi minuti, dopo alcune svolte ad una caratteristica fontana doppia in legno in corrispondenza del bivio1, già incontrato nel corso dell'escursione EC04 ). Si prosegue seguendo il percorso obbligato della strada, senza avventurarsi per i sentierini che partono dai vari ponticelli sul canale irriguo e salgono nei boschi o che scendono nei prati con un paio di punti panoramici ove nel 2008 sono stati posti dei pannelli esplicativi della veduta verso le Dame di Challand ed il M. Nery, sino alla comparsa fra gli alberi delle condotte idriche che scendono dal Bacino di Orbeillaz. Poco innanzi ad esse la strada si biforca (waypoint bivio2, a 25-30 minuti dalla partenza), la diramazione destra termina dinanzi le condotte, quella a sinistra scende a sottopassare le condotte (waypoint condotte) per riemergere a fianco le stesse (sulla sinistra scende inoltre un sentiero che riporta verso Orbeillaz, n° 29). Si scende seguendo le condotte ed i binari dell'annessa teleferica per una cinquantina di metri dopodiché la strada riparte sulla destra inoltrandosi nel castagneto. Da quella posizione sono visibili due ponticelli che scavalcano le condotte, quello a monte seminascosto dagli alberi è quello attraversato per raggiungere il Flambeau d'Arlaz, quello a valle si trova su un sentiero che scende alla fraz. Chatillonet ed è particolarmente panoramico verso Challand Saint Victor ed il Vallone di Dondeuil. Sono entrambi raggiungibili mediante una scalinata che fiancheggia i binari, con gradini in parte in cemento in parte in pietra (ATTENZIONE: questi ultimi possono essere sconnessi).

Svoltando nel castagneto la strada prende a scendere sino ad un segnale su palina (bivio3, a circa 35 minuti dalla partenza) dove inizia il sentiero ripristinato che, passando per il ponticello già visto, scende a Chatillonet ed al Santuario di S. Anna (n° 7, tempistica riportata pari a 30 minuti, si collega anche con il 29 per Orbeillaz-Vieri-Pesan). Poco più avanti la sterrata svolta verso destra aggirando le propaggini della quota 1634. Superata la cascata (o l'alveo di essa nei periodi di asciutta), la strada prosegue pressoché pianeggiante in direzione ovest (nel tratto immediatamente dopo la cascata si nota ancora l'aspetto originale del ru, in parte scavato sotto le rocce aggettanti e non cementificato). Dopo una svolta a sinistra la strada compie una piccola doppia curva dove è evidente un sentiero che parte oltre il canale (ponticello, bivio4 a circa 40 minuti dalla partenza), che sale nel bosco ad aggirare il fianco scosceso della montagna. Una diramazione di esso porta in pochi minuti al Flambeau d'Arlaz (Flamb), visibile dal basso che si confonde contro la ripida parete rocciosa della quota 1634 dalla quale è staccato (v. foto). Mentre proseguiamo si intravede fra gli alberi la strada asfaltata che sale da Challand S.V. - Chataignere alla quale ci si ricongiunge dopo pochi minuti dal bivio4.

Il Colle d'Arlaz (Colarl, 45 minuti da Orbeillaz) si presenta come un'ampia area pianeggiante di prati ed un parcheggio ove confluiscono le carrozzabili che salgono da Challand S.V. e da Montjovet, oltre ad una terza strada in terra che aggira un grande prato pianeggiante utilizzato spesso per le partite del gioco locale dello Tzan e scende poi in direzione del Lago di Villa che appare in lontananza (presente un terrazzino-belvedere in legno a circa 10 minuti dal colle) tenendosi dal lato verso la valle centrale. Il Ru invece, superato il parcheggio in parte tombinato, riaffiora sul versante di Montjovet  e scende verso Grand-Hoel.

Al colle, poco oltre una grossa croce di legno, da lato da cui arriviamo, si nota una sterrata che sale verso destra con l'indicazione per Eresaz. E' l'inizio del sentiero n°4.

DAL COLLE D'ARLAZ AL FLAMBEAU D'ARLAZ (Sent. 31-3, tracciato GPS n° 49), difficoltà E+

Si ritorna sino al bivio4 lungo la sterrata che fiancheggia il canale e si svolta a sinistra oltrepassando il ponticello in calcestruzzo (non vi sono segnali ma è l'unico sentiero presente nella zona) per salire in un bel bosco di castagni prima in direzione del Flambeau, poi spostandosi a sinistra. Dopo circa 5 minuti (15 minuti dal colle, 1 ora totale) il sentiero, giunto in una zona pianeggiante (vecchi muretti nel bosco sulla sinistra) si biforca (bivio5). Il tratto a sinistra si ricongiunge in breve con il sentiero 4 già menzionato e prosegue per Eresaz sulla sinistra di una cima boschiva. Il sentiero a destra (numero 3 in nero su tondo giallo, ben evidente su un masso, nel 2015 unico numero presente) ci porta verso il Flambeau, aggirando la suddetta cima sulla destra. Svoltiamo a destra per salire una serie di falsopiani in un bel bosco di pini e proseguiamo sino ad una seconda svolta a destra dove il sentiero (già meno evidente) prende a salire a mezzacosta  puntando finalmente verso il Flambeau che si intravede fra gli alberi, fra qualche segno giallo semicancellato, due tondi blu su dei tronchi di pino ed un ometto realizzato con alcuni massi quarzosi.

Si sale sino ad una gobba erbosa, corrispondente al waypoint q-max, segnato anche sulla carta n°12 edizioni L'escursionista (ore 0.10 dal bivio5, ore 1.15 totali), poco sotto delle rocce aggettanti. Dopodiché il sentiero scende (prestare sempre attenzione nei tratti boschivi in caso di umidità e pioggia per radici e foglie di quercia presenti in questa zona), tenendosi a mezzacosta sempre al di sotto di rocce, sino a che il bosco si apre e ci si trova su una pietraia di massi (per fortuna non scivolosi). Il sentiero taglia a mezzacosta il fianco di un bellissimo valloncello boschivo, sito fra le verticali pareti ovest del M. Ros ed il fianco della montagna che stiamo aggirando sulla destra. Ben tracciato sulla pietraia lo si segue sino al termine del valloncello (da dove si scorge il Flambeau), ove si biforca (bivio5, ore 0.10 da q-max, ore 1.25 totali). Questo bivio è poco evidente (nelle foto lo è meno ancora) ed andrebbe segnalato anche perché siamo nel tratto di sentiero più dissestato, a sinistra il sent. 3 prosegue per Eresaz (ricongiungendosi al 4 ) e a destra ci porta al Flambeau, percorrendo nuovamente a mezzacosta l'altro fianco del vallone, ai piedi del M. Ros.

Questo è il tratto meno agevole e, purtroppo, più trascurato del percorso in quanto il sentiero, alla base della parete verticale del M. Ros, viene continuamente battuto anche da piccole frane che si staccano da essa, si sviluppa su rocce solide ma anche su rocce friabili quarzose (quelle biancastre), è franato in alcuni tratti, ed invaso da arbusti e spine varie. Comunque lo si riesce a seguire abbastanza facilmente anche se sono richiesti un minimo di pratica di montagna e scarpe adatte (notare che questi tratti nel bosco in caso di maltempo e nuvole basse possono causare notevoli problemi di orientamento per la mancanza di riferimenti precisi ed aperture verso valle, in pratica ci si trova in una zona chiusa). Comunque alla fine il sentiero svolta a sx e si dirige verso il Flambeau, salendo alcuni tratti ripidi sino ad un roccione panoramico (roccia, circa 10 minuti dal bivio6, ore 1.35 totali). Il Flambeau, più basso, si raggiunge in pochi minuti muovendosi su grossi massi ed in mezzo ai cespugli (Flamb, ore 0.05 dalla roccia, ore 1.40 totali).

DAL FLAMBEAU D'ARLAZ AD ORBEILLAZ (Sent. 32, tracciato GPS n° 49), difficoltà T

Si ritorna al Flambeau e si prosegue in direzione est, onde tornare nella Valle d'Ayas, risalendo una piccola discarica di detriti quarzosi (attenzione, friabile) e poi proseguendo a mezzacosta con una ampia curva verso sinistra (vedute su Challand S. Victor e sul Colle d'Arlaz). Anche questa zona presenta un sentiero un po' nascosto da arbusti ed erbe ma, dopo il passaggio sulle condotte forzate, ripulito di recente (estate 2013). Si arriva cosi ad intersecare nuovamente le condotte idriche che scendono dal bacino idrico di Orbeillaz, oltrepassandole su un ponticello (ponte, ore 0.15 dal Flambeau, ore 1.55 totali) dal quale è possibile vedere contemporaneamente le vette della Becca Mortens, di Vlou e Torchè (le c.d. "Dame di Challand"). Il ponte corrisponde al punto di quota più elevata dell'escursione.

Il sentiero prosegue perdendo progressivamente quota, attraverso boschi di noccioli e castagni e piccoli prati, a volte meno evidente, a volte più largo e marcato sino ad intersecare un secondo sentiero (breve ed anch'esso sistemato a estate 2013) che, salendo, a sx si ricollega alla strada per il bacino idrico (bivio7, ore 0.15 dal ponte, ore 2.10 totali, ometto) ed a destra, scendendo, ci riporta in breve al bivio della fontana doppia (bivio1) e, seguendo il percorso iniziale sulla sterrata, ad Orbeillaz (s31, ore 0.10 dal bivio7, ore 2.20 totali).

VARIANTE: COLLEGAMENTO CON ERESAZ (Sent. 3-31, tracciato GPS n° 65), difficoltà E

Questa variante è in pratica il sentiero utilizzato localmente per arrivare ad Eresaz (fraz. di Emarese, il capoluogo è poco distante) aggirando il M. Ros, con un percorso in quota ma con alcuni saliscendi, comunque con dislivelli modesti. In realtà i percorsi possibili sono due, il sentiero 3 qua esaminato che passa tra la ripida parete nord del M. Ros ed una piccola elevazione staccata da esso ed il 4, a valle della piccola elevazione, di poco più lungo. E' un percorso quasi interamente nel bosco, abbastanza frequentato dai locali, non presenta particolari difficoltà a parte la zona nei pressi del bivio6, un po' sassosa ed ingombra di arbusti. E' possibile collegare la variante con l'anello per il Flambeau rientrando ad Orbeillaz, con un tempo totale di circa ore 3.30.

Dal bivio6, anzichè tornare sull'altro lato della valletta, si scende verso nord, seguendo un sentiero all'inizio un po' sassoso e cespuglioso, poi molto più pulito ed evidente, in leggera pendenza fra abeti e latifoglie. Poi si ha un tratto più ripido (discesa) e poi un tratto di nuovo in falsopiano (pianoro) sinio ad una zona di pietraia dove il bosco si apre verso valle (vista su M. Avic e M. Glacier). Poco più avanti un segnale su palina indica la riunione con il sentiero 4 (bivio7, ore 0.35 dal bivio6), presente in questo bivio anche una croce lignea su un masso. Il sentiero riprende a salire, poi si abbassa in una zona di prati pianeggianti dove diviene strada poderale (prendere il ramo sulla destra che sale, radura-pod, ore 0.10 dal bivio7). La sterrata sale leggermente, poi arriva in una zona di prati da cui si scorgono in lontananza le case di Eresaz, compie un'ampio tornante e passa accanto il piccolo Lac de Lot, spesso asciutto. Poco più avanti la sterrata termina (finepod) e si è sull'asfalto, si segue la strada sulla destra tra steccati, passando a fianco una fontana (fonte3) e giunge sulla strada che sale al Colle Tzecore pressochè al centro della frazione (Eresaz, ore 0.15 dall'inizio della sterrata, ore 1 dal bivio6 per il Flambeau).

E' anche possibile salire a Sommarese (e da qua al Colle Tzecore) tramite il sentiero 1 che taglia i tornanti della strada asfaltata e passa per Chassan.

VARIANTE: COLLEGAMENTO CON ERESAZ (Sent. 4-31, tracciato GPS n° 65), difficoltà E

Una possibile ed interessante variante alla ... variante suddetta è costituita dal sentiero n° 4, ovvero dal rientro verso la strada del Ru Arlaz tramite un percorso parrallelo a l n° 3 ma situato un poco più a valle (nel mezzo vi è una specie di montagnala, ma siamo completamente immersi nel bosco. Sono zone boschive per belle passeggiate all'ombra, senza molti affacci sulla valle, ma molto interessanti soprattutto in autunno (dove si consiglia però una maggior cautela causa l'umidità che può rendere scivolose rocce, foglie e radici).

Dal bivio verso Eresa ove il sentiero n° 3 si riunisce al n° 4 (bivio7 nel percorso gps n° 65) anzichè tornare per il percorso iniziale si scende dall'altra diramazione dove nel 2015 è riportato il n° 4 (la freccia che indica il n° 3 invece nel 2015 è posticcia, di legno, scritta a mano e senza numeri !). Questo sentiero si abbassa velocemente sino ad attraversare la grande pietraia (mentre il n° 3 ne toccava solo il lembo superiore), diventando una magnifica mulattiera lastricata bel larga ed evidente (ma in tutta questa zona non vi sono segnavia sul sentiero), poi si immerge nel bosco.

Il percorso si allontana apparentemente dalla sua direzione pressochè rettilinea con il risultato di disorientare un poco, poichè si sposta notevolmente verso destra quasi ad allontanarsi dalla sua meta, ma in realtà cerca di aggirare seguendo le curve di livello, una zona "collinare nel mezzo". In queste zone poichè il bosco si presenta fitto ed il territorio mostra diverse collinette e piccoli avvallamenti è facile perdere il senso dell'orientamento, soprattutto andando a funghi e in condizioni di nebbia o mancanza di sole. Comunque il sentiero torna poi a puntare nella direzione originale, pressochè pianeggiante attraversando zone di abetaia molto belle a vedersi, sino ad una biforcazione non segnalata. Si tralasci il ramo del sentiero che scende sulla destra per proseguire invece a sinistra in piano e dopo pochi minuti ci si riunisce al percorso originale ovvero al sent. n° 3 poco sopra la strada del Ru Arlaz (bivio5 nel tracciato gps n° 49). Calcolare circa 40 minuti dal bivio di riunione diei sent. 3 e 4 verso Eresaz a quello verso il Col d'Arlaz, poco sopra la strada del Ru. Da quest'ultimo si torna al Ru d'Arlaz in meno di 10 minuti e, seguendo la strada del ru (percorso n° 32) in circa 30-35 minuti si torna ad Orbeillaz.

N.B.:questo sito non utilizza cookies in nessun modo, per maggiori informazioni vedere la pagina Informativa cookies

*

Attenzione: questa pagina fa parte del sito www.msmountain.it. Se stai leggendo questa pagina, o parte del suo contenuto, in un altro sito, o se trovi la stessa pagina priva di questa dicitura, si tratta di una riproduzione non autorizzata il cui contenuto può anche differire dalla pagina originale. Eventualmente puoi segnalare la pagina sospetta al webmaster - (c) 2015 - www.msmountain.it - Tutti i diritti riservati, nessun contenuto di questa pagina può essere riprodotto senza autorizzazione. Per informazioni sul copyright vedi Nota del webmaster.

Galleria fotografica dell'escursione
Escursioni Gallerie fotografiche Rifugi e bivacchi Mappe schematiche

*

Avic Images Ayas Voyages Around my world Appunti e varie
Home Page