Escursione
EB07
Punta del Lago (mt. 2816) Valle di
Ayas

La Punta del Lago durante la salita verso il Lago Battaglia (2 agosto 2008)

La Punta del Lago durante la salita verso il Lago della Battaglia (2 agosto 2008)



Ultimo aggiornamento della pagina: 04-08-2008

Partenza: Brusson - Parcheggio Fraz. Estoul (mt. 1850), oppure Rif. Arp (mt. 2440)
Difficoltà: E+
Periodo consigliato: giugno/settembre
Segnavia: 4-5-3C-3D-5F  (da Rif. Arp a bivio Laghi Palasina/Rif. Arp)
Dislivello:  mt. 966 da Estoul, mt. 376 da Rif. Arp
Tempi percorrenza:  salita ore 3.20 da Estoul, ore 1.30 da Rif. Arp, discesa a Estoul stesso itinerario della salita ore 2.10, discesa a Estoul per Rif. Arp ore 2.40, discesa a Rif. Arp ore 1.10
Acqua: Alpe Chavanne, Alpe Palasina (se abitata nel periodo estivo), sorgente a quota 2182 (sorge1), Rif. Arp (Rifarp), ruscelli vari (attenzione alla presenza di bestiame).
Note: il percorso non presenta difficoltà particolari, al più tratti in cresta verso la vetta (dopo Colle Palasina) che possono intimorire i meno esperti. Possibilità di collegamento con il Corno Bussola (percorso EE) tramite il sentiero 3d
Precauzioni particolari: fare attenzione nei tratti in cresta dopo Colle Palasina, qualche tratto ripido.
Equipaggiamento particolare: bastoncini da trekking, scarpe da trekking
Tracciato GPS: tracciato 24 . In corsivo nel testo i riferimenti ai waypoint del tracciato GPS. Sono stati conservati i nomi dei waypoint del tracciato 16 (Laghi di Palasina) ad eccezione delle creste
Immagine tracciato GPS: parte 1, parte 2
Mappa Open Street Map: OSM Mapnik


PREMESSA

La Punta del Lago (o meglio Punta del Lago Lungo) è una delle cime minori che contornano a nord la zona dei Laghi di Palasina e può essere salita a completamento di una escursione agli stessi, per avere un ampliamento del panorama sui laghi, verso il vallone di Mascognaz, verso la zona del Lago Perrin (non visibile dal Colle di Palasina) e del Corno Vitello. La salita avviene dal Colle di Palasina e non presenta difficoltà ma essendo in parte su cresta molto esposta (parete a strapiombo verso Mascognaz e prato molto ripido verso i laghi) può comunque intimorire persone poco abituate a simili tracciati o sofferenti di vertigini (ATTENZIONE AI BAMBINI !!). Per questo motivo (e solo per questo) viene qua indicata come E+ anziché E.

Dalla Punta del Lago è possibile il collegamento con il Corno Bussola seguendo il sentiero percorso durante la salita (3D) in circa 1 ora. Il percorso, creato nel 2006 (ma gli inverni successivi hanno reso alcuni passaggi un po' delicati), è quasi interamente su cresta aerea, similmente ai tratti che portano sino alla Punta del Lago, con due facili tratti attrezzati con gradini in ferro e corde fisse (il primo visibile sotto la Punta del Lago stessa), difficoltà EE, può divenire problematico in presenza di neve o pioggia. La discesa dal sentiero "normale" verso il Lago Lungo (sentiero 3C) comporta il superamento di una piccola ferrata, che va affrontata con la dovuta cautela e che sostituisce una precedente fune metallica (difficoltà EE). Per il collegamento con il Corno Bussola vedere l'escursione EB09 - Corno Bussola - Punta del Lago.

ITINERARIO (sent. 5-4-3D-105-3F, tracciato GPS n° 24)

Parte di questa escursione ha tracciato in comune con tratti del percorso suggerito per i Laghi di Palasina (escursione EB05) della quale mi permetto di riprendere stralci di descrizione. Si suggerisce anche di consultare la Galleria Fotografica relativa. Il tracciato GPS (n° 24) è in gran parte simile al precedente (n° 16), sono stati ribattiti alcuni waypoint e conservati altri (in particolare i laghi, il Rif. Arp ed il Colle Palasina), mantenendo invariate le nomenclature, con l'eccezione delle creste. I waypoint qua riportati sono comunque solo quelli del tracciato 24.

Dal parcheggio situato in località Estoul, dopo le case, si prende la poderale che parte in prossimità dello stesso e sale verso gli impianti sciistici. La prima parte del percorso, fino al bivio5 (bivio per il Rif. Arp, sentiero 5F) è la stessa dell'escursione EB03 - Lago Litteran, Rif. Arp e qua la riassumo brevemente. Subito sopra il parcheggio la poderale si biforca (bivio1), si svolta a destra e si raggiunge un secondo bivio (bivio2) dove è possibile prendere entrambi i percorsi: a destra si segue la poderale che compie un'ampia curva e interseca il sentiero per i Laghi di estoul in s13-6a, a sinistra occorre seguire la poderale sino a che si individua il vecchio sentiero che sale ripido (muretti in pietra) e dal quale si stacca il sentiero per i laghi di Estoul (numero 13 vecchio, in verde su una pietra che  è stata raddrizzata ed ora è in pezzi) e si raggiunge comunque la poderale in corrispondenza del waypoint poderale. Nel tracciato gps trovate entrambi i percorsi. La poderale sale offrendo viste panoramiche sulla valle, supera un paio di tornanti, passa sotto la seggiovia (numero dei sentieri sul pilone) e raggiunge le baite restaurate di Chavanne (Chavanne, mt. 2105, fontana sotto la strada presso l'ultima baita). Poco più avanti ci si immette nel vallone, la strada si biforca in corrispondenza del bivio per il Lago di Bringuez (bivio3, 2109 mt. a circa 0.45 ore da Estoul). Dopo un paio di tornanti la strada si fa pressoché pianeggiante, supera il bivio per il Lago Litteran (bivio4, mt. 2168), supera una piccola sorgente posta sul fianco destro della strada (sorge1) e prosegue pressoché rettilinea fino al già nominato bivio per il Rif. Arp (bivio 5, mt.2237 a circa ore 1.15 da Estoul).

Svoltiamo a sinistra e prendiamo le tracce di sentiero che salgono più dirette senza seguire necessariamente la strada poderale, che si sposta a destra a toccare vari alpeggi. Il sentiero taglia un primo tornante, segue brevemente la poderale, taglia un secondo tornante e prosegue deciso puntando in direzione della baita lunga dell'Alpe Palasina, riconoscibile poiché appare a "capanna" , punto di riferimento anche per il ritorno. Si supera una piccola sorgente, meglio non prendere acqua poiché in una zona di pascolo e spesso concimata, e dopo aver salito un roccione, svolta a sinistra quasi pianeggiante per raggiungere nuovamente la poderale in corrispondenza di una baita fiancheggiante la strada (Chavanne2, mt. 2350, nota: non è un errore, vi sono due alpeggi con lo stesso nome, Chavanne in patois significa "casa"). Si segue la poderale per lasciarla poco dopo, si taglia un ruscello, in questa zona vi è anche un numero 4 su un sasso recentemente dipinto e si raggiunge l'Alpe Palasina (apalas, mt. 2438 a ore 0.35 dal bivio5, ore 1.50 da Estoul, fontana utilizzata quando l'alpeggio è abitato).

Lasciando a destra la bella baita si ritrova la poderale dietro essa, la si segue oppure si segue il sentiero che si tiene leggermente più alto (nel tracciato gps trovate entrambi i percorsi). La poderale termina in corrispondenza di un'ultima baita (vari numeri dipinti su un sasso), parte un sentiero che si ricongiunge comunque con quello originale poco sopra e risale il valloncello seguendo l'emissario del Lago della Battaglia che si raggiunge in corrispondenza di un ponticello in pietra, costruito nel 2006 (Lgbatt, mt. 2491 a ore 2 da Estoul, circa ore 0.25 da Alpe Palasina). La Punta del Lago diviene già visibile dinanzi a noi con la sua mole arrotondata, dopo l'Alpe Palasina (v. foto ad inizio pagina).

Superato il ponte in pietra, si segue la sponda destra (nella direzione di marcia) del lago, ossia quella verso valle, sino ad un secondo ponticello in legno, posto sul breve tratto di ruscello che collega il Lago della Battaglia al piccolo Lago Verde (lgverd, ore 0.05 dal ponte lgbatt, ore 2.05 da Estoul). Poco dopo un masso riporta vari numeri ed il sentiero si biforca: il ramo a sx sale direttamente al Lago Pocia e poi al Lago Lungo (ed eventualmente al Corno Bussola per la "via normale") - sentiero 3C, il ramo a dx è quello che dobbiamo prendere per il Lago Coliou - sentiero 3D (ovviamente è possibile prendere anche l'altra strada in modo da allungare leggermente il percorso, in quanto i due sentieri divengono poi pressoché paralleli e nulla vieta di traversare per prati, come viene piegato nell'escursione EB05 - Laghi di Palasina). Il sentiero prende a salire ripido, poi diviene più pianeggiante ed compare a sinistra il Lago Pocia (da qua raggiungibile "traversando"), poi riprende a salire deciso (segnavia 4) con alcuni tornanti sino a raggiungere il Lago Coliou (Lgcoli, mt. 2598, ore 0.25 dal ponticello in legno lgverd, ore 2.30 da Estoul).

Il sentiero continua a salire sulla sinistra del lago (alcuni tratti di rocce levigate sul terreno) e superato un dosso raggiunge velocemente il Colle Palasina, ai piedi della Punta del Lago che appare ora come una alta collina erbosa alla sua sinistra (Colpal, ore 0.15 dal Lago Coliou, ore 2.45 totali). Ci troviamo ad una altitudine di 2669 mt. Al colle un segnale giallo indica la Rif. Arp nella direzione da cui proveniamo, poco più in là un ometto e tracce di sentiero che sulla destra portano alla Punta Palasina. Oltre il colle il sentiero si biforca, il ramo a dx scende nel vallone di Mascognaz (105, numerazione già presente dal lato laghi, è un sentiero intervallivo), il ramo a sx prosegue pressoché pianeggiante ad aggirare l'ansa superiore del vallone sino ad una cresta dove si strapiomba a valle e diviene visibile Mascognaz (cresta-a del tracciato 24, corrisponde alla cresta2 del tracciato 16, ore 0.05 dal colle Palasina, 2.50 totali). Da una roccia piatta dominiamo la zona, con un'ampia vista anche sul vicino Corno Vitello, sulla Gran Cima e su Cervino e Monte Rosa (in gran parte coperti dalle nuvole nelle mie foto del 2-8-2008).

Un sasso riporta la numerazione 3D e la freccia indica sinistra. Seguiamo la cresta per ritrovare poco più su la traccia del sentiero ben marcata (questo percorso è stato realizzato nel 2006 scavando il solco, posizionando i segnali e realizzando i tratti attrezzati già menzionati, onde collegare la Punta del Lago ed il Corno Bussola in un lungo ed "aereo" anello, percorso molto bello ma di difficoltà EE). Il sentiero segue inizialmente la cresta, poi si sposta a sinistra in diagonale dando vista sui laghi, poi torna verso destra e si riporta in cresta (cresta-b, ore 0.20 da cresta-a, ore 3.10 totali, altitudine 2780 mt.). Nota: dal Colle di Palasina senza passare dalla cresta-a è possibile salire per prati sino a ritrovare il sentiero che, più in alto si sposta in direzione del colle stesso, affrontando una pendenza ben maggiore. Tornati in cresta la si segue raggiungendo una prima cima che da un lato strapiomba sul vallone di Mascognaz, mentre dall'altro mostra comunque un prato ripidissimo. Superata questa si individuano una seconda gobba del terreno e poi una terza dove un piccolo ometto indica la massima elevazione, posta poco sopra il sentiero che prosegue abbassandosi al primo tratto attrezzato sottostante e poi verso il Corno Bussola. La vetta, davvero piccola (si ha la sensazione di trovarsi in cima ad un "cono erboso") è molto panoramica sulla zona dei laghi, sulla zona del Corno Bussola (visibile il Lago Lungo, seminascosto) del quale si riconoscono sia il percorso di salita "normale" (3C) che quello poco sotto di noi (3D), nonché su Cervino, Monte Rosa, Testa Grigia, Gran Cima, Corno Vitello, Punta Valfredda, Punta Valnera, Mont Nery, Becca di Vlou e Becca Torchè. La vetta (ptlago, mt. 2816) si raggiunge in 5-10 minuti da cresta-b (ore 3.15-3.20 totali).

NOTA: é possibile effettuare l'escursione anche partendo dal Rif. Arp, pernottando o salendo in giornata. Dal Rif. Arp ci si collega con il tracciato qua proposto in corrispondenza dell'Alpe Palasina (vedi variante suggerita per il rientro). Dal Rif. Arp all'Alpe Palasina calcolare 15 minuti, dall'Alpe Palasina alla Punta del Lago calcolare ore 1.15 (tempo totale ore 1.30 dal Rif. Arp).


RIENTRO

Stessa via in circa ore 2-2.10 oppure prolungando per il Rif. Arp in circa ore 2.40

Per il rientro dal Rif. Arp, analogamente all'escursione EB05 diamo qua la traccia di percorso. Si segue il percorso dell'andata sino all'Alpe Palasina, lungo il sentiero o la parallela poderale, ove questa diverge e si sposta a sinistra della stessa (apalasina, mt. 2438, circa ore 0.50 da Punta del Lago). Seguiamo la poderale che devia verso sinistra e, dopo alcune curve, raggiunge un'altra baita, indicata sulle carte sempre come facente parte dell'Alpe Palasina, in corrispondenza della quale una serie di segnali su palina individua il bivio8 (mt. 2418, a 0.05 dalla precedente apalas, ore 0.55 dalla vetta). Poiché abbiamo percorso i tratti di sentiero, all'andata non ci eravamo passati. Svoltando a dx e passando dietro le baite dell'alpeggio non faremmo che ritornare di nuovo sul percorso dell'andata. Noi, invece, svoltiamo a sx (sentiero 5) seguendo un altro tratto di poderale molto inerbato che aggira una valletta  e raggiunge il rudere di una baita crollata (rudere, mt. 2415 a pochi minuti dal bivio8). Qua termina la poderale e inizia un sentiero a mezzacosta che sale leggermente e, compiendo un'ampia curva, raggiunge prima una cascata e poi il Rifugio Arp (Rifarp, mt. 2440 a circa 15 minuti dal bivio8, ore 1.10 dalla vetta). 

Il rientro dal Rifugio Arp non presenta problemi (maggiori dettagli nella descrizione dell'escursione EB03 al Rifugio Arp), si scende la poderale dinanzi al rifugio per collegarsi al percorso di salita in corrispondenza del bivio5 (questo tratto è numerato 5F, ore 0.30 dal Rifugio, ore 1.40 dalla vetta), dopodiché seguendo la poderale già percorsa all'andata si raggiunge il parcheggio di Estoul in circa ore 1.30 dal rifugio (ore 2.40 da Punta del Lago, lunghezza totale del percorso con passaggio dal Rif. Arp circa 15,5 km). E' tuttavia possibile una variante che utilizza tratti del vecchio sentiero (vedere descrizione escursione EB03).

N.B.:questo sito non utilizza cookies in nessun modo, per maggiori informazioni vedere la pagina Informativa cookies

*

Attenzione: questa pagina fa parte del sito www.msmountain.it. Se stai leggendo questa pagina, o parte del suo contenuto, in un altro sito, o se trovi la stessa pagina priva di questa dicitura, si tratta di una riproduzione non autorizzata il cui contenuto può anche differire dalla pagina originale. Eventualmente puoi segnalare la pagina sospetta al webmaster - (c) 2015 - www.msmountain.it - Tutti i diritti riservati, nessun contenuto di questa pagina può essere riprodotto senza autorizzazione. Per informazioni sul copyright vedi Nota del webmaster.

Galleria fotografica dell'escursione
Escursioni Gallerie fotografiche Rifugi e bivacchi Mappe schematiche

*

Avic Images Ayas Voyages Around my world Appunti e varie
Home Page