Escursione
E08
Lago della Serva (mt. 1801)
Valle di
Champdepraz

Lago della Serva, sullo sfondo il M. Barbeston

Lago della Serva, sullo sfondo il M. Barbeston (12 maggio 2013)


Ultimo aggiornamento della pagina: 15-05-2013

Partenza: Champdepraz - parcheggio Loc. La Veulla (mt. 1301)
Difficoltà: E
Periodo consigliato: maggio/ottobre
Dislivello: mt. 500
Segnavia: 5C-5
Tempi percorrenza: salita ore 2, discesa ore 1.30
Acqua: fontane a Covarey e a La Veulla, Alpe Serva Desot
Note: consigliato il mese di giugno per la fioritura dei rododendri, è  anche un percorso fattibile in inverno con ciaspole (verificando le condizioni di innevamento)
Precauzioni particolari: nessuna ma per la bassa quota in estati particolarmente calde è bene portarsi adeguata provvista d'acqua e protezioni.
Equipaggiamento particolare: nessuno, consigliata pomata per punture insetti nelle estati afose e comunque scarpe da trekking medio
Tracciato GPS: tracciato 91 (anello Covarey - Lago della Serva comprensivo della nuova sterrata che si ricollega al sent. 5).
Immagine tracciato GPS: tracciato 91
Mappa Open Street Map: OSM Mapnik



PREMESSA

Questo itinerario ripercorre la prima parte dell'escursione E02, considerata qua come itinerario a se stante sia perchè è una passeggiata adatta a tutti e spesso effettuata (sino al Lago Serva) come allenamento e in periodo di media stagione, quando oltre al lago è facile trovare presenza di neve, sia perchè la nuova sterrata (2012) consente di effettuare un anello e variare il percorso, con ritorno a laVeulla e Covarey. 

ITINERARIO (Sent. 5C-5, tracciato GPS n° 91)

Il percorso di salita sino al lago è lo stesso dell'escursione E02 per cui viene qua ripreso con i riferimenti al tracciato GPS n° 91 anzichè al tracciato GPS n° 63 (che resta un possibile riferimento). Come già specificato nella pagina introduttiva, dal 2010 è vietato l'accesso al parcheggio di La Veulla se non residenti o per carico/scarico, per cui occorre partire dal nuovo parcheggio situato in Loc. Blanchet o, dal 2013 dal nuovo parcheggio (20 posti) all'ingresso del villaggio di Covarey, alla destra della strada, ove  ha inizio il divieto di transito ai non residenti (wp park-new nel tracciato GPS n° 91). Partendo da Blanchet occorre aggiungere circa 10-15 minuti rispetto ai tempi qua riportati, dal nuovo parcheggio di Covarey occorre aggiungere 5 minuti ai tempi qua riportati.

Dal parcheggio di La Veulla (potete approvvigionarvi di acqua alla fontana che si trova  andando verso le case, tralasciando quella piccola nel parcheggio) si segue la poderale lastricata prima e sterrata dopo, si oltrepassa un ponte e si prosegue sino ad un primo bivio che a destra porta verso Pra Orsie, M. Barbeston e Col Varotta (bivio1, ore 0.10 da La Veulla). Noi proseguiamo diritti per il sentiero 5C (ovvero la strada interpoderale percorsa anche dai mezzi della forestale) oltrepassando altri ponti in legno, un roccione panoramico (panoramico) e il raccordo con la nuova sterrata posta più bassa che useremo per il rientro (bivio2a) posto poco prima di Magazzino

Si giunge così a Magazzino (Magazz, ore 0.20 da bivio1, ore 0.30 da La Veulla) . E' questo il nome di una località dove vi erano depositi costruiti all'epoca delle miniere (vi sono dei ruderi un po' nascosti sotto gli alberi) e vi sono altre diramazioni del sentiero (n° 6 per il Lago Gelato e n° 5 per l'alpeggio di Pra Orsie). 

Si prosegue sempre lungo la sterrata, oltrepassando altri due ponti (uno dei quali corrisponde al wp cascatalle ma in realtà tutti i torrenti laterali hanno delle cascate), si passa sotto una parete rocciosa (pareterocc) arrivando all'Alpe Serva Desot (Aserv, ore 0.20 da Magazzino, ore 0.50 da La Veulla), i cui fabbricati sono ristrutturati ed utilizzati dal Corpo Forestale (fontana). Visibile l'alpeggio di Pra Orsie e la zona del Monte Barbeston. La strada sterrata prosegue sulla sinistra verso il torrente, noi svoltiamo a destra sul sentiero (segnale su palina) che sale leggermente più ripido in zona di bosco formato da larici, pino uncinato e rododendri.

Poco dopo l'alpeggio si oltrepassa un ru tombinato e si incontra una prima deviazione (bivio 2a, appena dietro le case, poco visibile, costituente il sent. 5B per La Fornace) ed una seconda deviazione (bivio2b, poco sopra, non segnalata ma poco avanti vi è un segnale di divieto di transito), che porta nella stessa direzione.  Proseguendo incontriamo un piccolo spiazzo costituente la carbonaia (carbonaia, ore 0.15 da Serva Desot, ore 1.05 da La Veulla). Poco più avanti un gruppo di rocce "montonate e striate" (rocce_mont),  si tralascia sulla destra una'altra diramazione (nel 2013 con divieto di accesso e segnaletica in fase di posa), poi si sale in modo più ripido sino ad una zona dove il bosco si apre e si attraversa una pietraia a mezzacosta (ore 0.20 dalle rocce montonate, ore 1.25 da La Veulla). Si sale ancora nel bosco rado, prima con pendenza abbastanza moderata e poi in piano, puntando decisamente verso il lago, sino ad un tratto pianeggiante ove gli alberi si diradano e si intravedono delle pareti rocciose sulla destra. Poco dopo si arriva al Lago della serva o Lac Servaz (Lgserv, ore 0.20 dalla pietraia, ore 1.45 da La Veulla), posto in un'ampia conca nel bosco di pino uncinato, abitato dalla rana temporaria e famoso anche per le sue fioriture di ranuncolo acquatico.

RIENTRO

Si può tornare a La Veulla per la stessa via in circa ore 1.30 e, dal 2012, compiere un anello per mezzo della nuova (e contestata) pista forestale che sale seguendo il Torrente Chalamy come prosecuzione della già esistente che costiuisce il primo tratto del percorso n° 5 per il Lago Leser e si mantiene più bassa rispetto alla pod. 5C, raggiungendola quasi sotto magazzino. Questo nuovo percorso, che dopo il raccordo con la pod. 5C prosegue a raggiungere le prese d'acqua sul T. Chalamy (che alimentano la centralina idroelettrica che ha motivato la costruzione della strada stessa) attualmente non ha numerazione nella parte più alta (2013). Sorvolando sulle motivazioni e sulle polemiche conseguenti la realizzazione di queste opere all'interno di un'area protetta quale il Parco del M. Avic (si può trovare parecchio materiale in rete), ci concentriamo quindi sull'utilizzo a scopo escursionistico di questa nuova poderale che nella parte più a valle costituisce anche un percorso con pannelli didattici e per persone con limitate capacità motorie. Il tempo di discesa per questa variante è all'incirca pari a quello per il sentiero di salita (5C).

Ridiscesi sino a Magazzino, si svolta a destra sul breve tratto di raccordo tra la strada sterrata/sent. 5C e la nuova strada posta poco più a valle (che prosegue verso le prese d'acqua sul T. Chalamy, appena sotto Magazzino), wp bivio2a e bivio2b. Questa nuova strada è abbastanza ripida nella prima metà, si abbassa rapidamente prima con alcune curve e poi con un lungo tratto quasi rettilineo in una zona che è stata abbondantemente disboscata (in parte in fase di reimboschimento) e quindi assolata ed aperta. Dopo circa 15-20 minuti si arriva in una zona più pianeggiante e di bosco un po' più chiuso, ove termina un altro tratto di sterrata  in corrispondenza della partenza di una teleferica per trasporto materiali (teleferica, ore 0.20 da Magazzino).

Il percorso si fa più pianeggiante e rettilineo, poco avanti si raggiunge una piccola area picnic con fontana a fianco della della zona adibita a "Pesca con catture" sul T. Chalamy (picnic, ore 0.05 da teleferica, ore 0.25 da Magazzino). Nell'area picnic troviamo anche gli ultimi due pannelli didattici del percorso guidato che ha inizio a La Veulla. Si prosegue lungo la sterrata raggiungendo una diramazione (anche questa rimaneggiata ed ampliata nel 2012) della stessa dove il percorso n° 5 proveniente da La Veulla devia scendendo a superare il torrente per proseguire per l'Alpe di Leser (bivio5, ore 0.10 dall'area picnic, ore 0.35 da Magazzino).

Scendendo ancora troviamo altri pannelli didattici, la piccola Palestra di Roccia (Palestraro), una deviazione per il "percorso notturno" (sentiero che scende sotto la strada e si collega al ponte del n° 5 sul T. Chalamy) e arriviamo al piccolo parcheggio di La Veulla aggirando le case dal lato a  valle (o passando fra esse per un facile sentierino che porta anche alla fontana), in circa 15 minuti dal bivio5 (ore 0.50 da Magazzino). Seguendo la strada si raggiungono i parcheggi per l'auto in pochi minuti.

N.B.:questo sito non utilizza cookies in nessun modo, per maggiori informazioni vedere la pagina Informativa cookies

*

Attenzione: questa pagina fa parte del sito www.msmountain.it. Se stai leggendo questa pagina, o parte del suo contenuto, in un altro sito, o se trovi la stessa pagina priva di questa dicitura, si tratta di una riproduzione non autorizzata il cui contenuto può anche differire dalla pagina originale. Eventualmente puoi segnalare la pagina sospetta al webmaster - (c) 2015 - www.msmountain.it - Tutti i diritti riservati, nessun contenuto di questa pagina può essere riprodotto senza autorizzazione. Per informazioni sul copyright vedi Nota del webmaster.

Galleria fotografica dell'escursione
Escursioni Gallerie fotografiche Rifugi e bivacchi Mappe schematiche

*


Avic Images Ayas Voyages Around my world Appunti e varie
Home Page