Escursione
E05
Lago di Leser (mt. 2011)
Rifugio Barbustel (mt. 2200)
Valle di
Champdepraz

 Il Lago di Leser proseguendo per il Rifugio Barbustel (24 luglio 2011)

Il Lago di Leser proseguendo per il Rifugio Barbustel (24 luglio 2011)




Partenza: Champdepraz, parcheggio per escursionisti in Loc. Blanchet, mt. 1210
Difficoltà: E
Periodo consigliato: maggio/ottobre
Dislivello: da Blanchet al Lago di Leser mt. 801, dal Lago di Leser al Rifugio mt. 189 (totale mt. 990), discesa per il sent. 4 mt. mt 1054 dal Rif. Barbustel al ponte sul Torrente Chalamy e mt.64 in salita dal ponte al parcheggio di Loc. Blanchet
Segnavia: 4-5
Tempi percorrenza: salita ore 2.30 sino al Lago di Leser, ore 0.50 dal Lago di Leser al Rif Barbustel (totale ore 3.20), discesa ore 2.15 per il sentiero 5 (stessa via di salita) dal Rif. Barbustel, ore 3.00 per il sentiero 4 sempre partendo dal Rif. Barbustel
Acqua: Covarey, La Veulla, sorgente subito dopo il primo ponte sul Torrente Chalamy, Alpe Leser Sup., Rifugio Barbustel, ruscelli vari
Note: anche se la meta è il rifugio, è consigliabile scendere almeno fino al Lago Bianco ed al Lago Nero oppure proseguire fino al Lago Cornuto, in quanto tutti raggiungibili in poco tempo. Poiché il rifugio è situato in un crocevia di sentieri, la gita può prolungarsi verso altre destinazioni (vedi escursione al Gran Lago )
Precauzioni particolari: nessuna, tratto esposto e leggermente friabile (facile) dopo il Lago Leser che può intimorire i novizi.
Equipaggiamento particolare: scarpe da trekking medio o impegnativo (sentiero comunque sassoso), bastoncini da trekking o nordic walking
Tracciato GPS: tracciato 71 . In corsivo nel testo i riferimenti ai waypoint del tracciato GPS.
Immagine tracciato GPS: parte 1, parte 2
Mappa Open Street Map: OSM Mapnik





PREMESSA

L'escursione è un modo per variare la salita al Rifugio Barbustel (in realtà raggiungibile da diversi percorsi) rispetto alle più utilizzate da Champorcher (vedi escursione E06 - Gran Lago) e da La Veulla via Lago della Serva (escursioni E02 e E04), oltre che dal lungo anello del Lago Gelato (vedi escursione E09 - Lac Gelé - Gran Lago). Il percorso di salita in realtà era già stato descritto come via di rientro per l'escursione E02, vien qua sfruttato per creare anche un anello parziale (sino poco prima del lago) che include anche il sentiero n° 4, meno utilizzato. L'escursione non è difficile ma è richiesto comunque un certo allenamento (sono quasi 1000 mt di dislivello in salita e poco più in discesa) anche perché il tratto sino all'Alpe Leser Inferiore è abbastanza ripido.

Si vedano anche in merito la scheda del Rifugio Barbustel e relativa galleria fotografica.

ITINERARIO (Sent. 5, tracciato GPS n° 71)

Si raggiunge il parcheggio di Blanchet svoltando a sinistra al tornante poco prima di Barbustel-Covarey (il bivio è il wp bivio8 del tracciato GPS n° 71). Parcheggiata l'auto torniamo indietro sino a inizio parcheggio dove si svolta (bivio1) per la strada prima asfaltata e poi pavimentata e fiancheggiata da muretti che si collega alla strada comunale che avevamo abbandonato, in corrispondenza del centro Visitatori di Covarey, poco prima di un parchggio con fontana (fontana1). Sempre seguendo la strada asfaltata si raggiunge il parcheggio di la Veulla ora riservato ai residenti (park-rsvt, ore 0.10 dalla partenza). Un segnale individua il sentiero n° 5, in questo tratto costituito da una sterrata, percorso che aggira il villaggio a valle, ma è comunque possibile anche passare fra le case (fontana) e ricollegarsi alla sterrata oltre esse. Si segue la sterrata, tralasciando una piccola deviazione a sinistra che porta ad un ponticello sul torrente incassato fra gli alberi, e si passa dalla la palestra di roccia (pale-rocc) poi il sentiero si stacca dalla sterrata (bivio2) e in breve raggiunge il ponte sul Torrente Chalamy (ponte1, ore 0.15 da La Veulla, ore 0.25 tot.). Qua vediamo anche i segnali luminosi per il percorso notturno e quelli in rilievo per i non vedenti.

Subito dopo il ponte è presente una sorgente (fontana in legno). Dal ponte inizia il tratto più ripido dell'intero itineraro, forse anche il più monotono. Ci si alza di quota rapidamente con alcuni piccoli tornanti nel bosco, che solo dopo un po' si apre lasciando qualche veduta verso Pra Orsie ed il M. Barbeston. Finalmente si raggiunge il rudere di una baita seminascosta dagli alberi (Alpe Ferus Sup. A Ferus S, ore 0.55 dal ponte1, ore1.20 tot.) e poco oltre i prati e l'alpeggio di Alpe Leser Inferiore, nel 2011 in ristrutturazione, dalla quale abbiamo una bella veduta sulla valle, compreso il M. Rosa, le Dame di Challand ed il M. Nery (A Leser In, ore 0.10 dall'Alpe Ferus Sup. ore 1.30 totali). Il percorso diviene meno ripido e più vario, ci si inoltra di nuovo sotto il bosco ma molto più rado del precedente (presente il pino uncinato) e si raggiunge una torbiera (torbiera1, ore 0.15 dall'Alpe Leser Inf, ore 1.45 tot.) circondata da uno steccato con pannelli esplicativi. Si aggira la torbiera sulla destra e si riprende a salire ma sempre in modo non ripido sino a fiancheggiare sempre sulla destra un prato con grossi massi al termine del quale si trovano le baite dell'Alpe Leser Superiore (A Leser Su, ore 0.20 dalla torbiera1, ore 2.05 tot.). Lo sguardo ora comincia ad aprirsi anche verso il M. Avic.

Il sentiero passa a destra delle case, le fiacheggia (fontana, fontana2) e sale in un bosco rado e sassoso, con moderata pendenza (falsopiano). Con un poco di attenzione individuiamo il bivio fra i sent. 4 e 5 che potremmo utilizzare in discesa nel caso volessimo variare il percorso e scendere dal sent.4 (bivio3, ore 0.15 da Leser Sup., ore 2.30 tot.), è segnato solo sui sassi per terra ma è ben visibile in fase di discesa. Oltrepassata un altra baita diroccata seminascosta dalla vegetazione (rudere1), dopo un tornante, il sentiero raggiunge il Lago di Leser (Lago Leser, ore 0.10 dal bivio3, ore 2.40 totali).

Dopo il Lago Leser il percorso entra nella sua fase più panoramica, si svolta a destra e si sale rapidamente con alcune viste sia sulla valle sia sul lago stesso, su una dorsale che più in alto diviene un po' friabile. Ragginta la cresta possiamo affacciarci sulla parte alta della Valle di Champdepraz, guardando il percorso rimanente (visibile anche l'Alpe Coucy), il M. Glacier, il M. Avic e poi anche a tratti la Tersiva. Poco dopo troviamo uno steccato a circondare il pannello piramidale che illustra le vette visibili, su un poggio panoramico (piramide, ore 0.15 dal Lago di Leser, ore 2.45 totali). Il sentiero prosegue in cresta quasi pianeggiante ed a tratti esposto, sino ad una coppia di passerelle sotto delle rocce (passerelle, ore 0.05 dalla piramide, ore 2.50 totali), poi di nuovo a mezzacosta e parallelo alla valle (esposto) sino ad una zona di grossi massi. Qua ci allontaniamo dai precipizi e troviamo un'altra zona umida/torbiera (torbiera2, ore 0.05 dalle passerelle, ore 2.55 totali).

Si prosegue quasi in piano, belle viste su M. Rosa e Cervino, spostandosi sempre verso destra ed addentrandosi nel vallone. Superato un ruscello (ruscello1) raggiungiamo il bivio del sentiero 5a che porta all'Alpe Coucy (bivio4) ed il successivo più evidente bivio che porta al Col de La Croix (bivio5, ore 0.10 da torbiera2, ore 3.15 tot.). Sempre con un percorso quasi pianeggiante ci si sposta ancora di più lateralmente verso destra sino a raggiungere finalmente il Lago Vallette, dal lato più acquitrinoso, che viene aggirato sulla sinistra con belle viste con M. Rosa e Cervino a fare sfondo (Lago Valle, ore 0.10 dal bivio5, ore 3.15 totali). Una breve salita ci porta al Rifugio Barbustel dalla parte opposta all'ingresso, dove arriva anche il sentiero 5c proveniente dal Lago della Serva - Alpe Coucy. (Rif Barbus, ore 0.05 dal Lago Vallette, ore 3.20 totali da Blanchet). Come detto a poca sistanza vi sono il Lago Bianco ed il Lago Nero (sentiero dinanzi al rifugio), poco più lontano il Lago Cornuto.

RIENTRO:  stessa via in circa ore 2.15 partendo dal Rif. Barbustel (sentiero5) e 1.40 partendo da Lago di Leser o, in alternativa, passare al paragrafo successivo.

RIENTRO DAL SENT. 4 (tracciato GPS n° 71)

Per compiere un anello e variare il percorso è possibile scendere anche per il sentiero 4, percorso più lungo e più "solitario" del precedente (non vi sono alpeggi) ma meno ripido, che scende sino ad un ponte sul Torrente Chalamy a quota 1145 mt per poi risalire brevemente sino ad intersecare la strada asfaltata 100-150 mt prima del bivio per il parcheggio di Blanchet. L'anello così realizzato ha una lunghezza topografica di circa 15,4 Km.

Per scendere lungo il sent. 4, tornare al Lago di Leser (circa 35 minuti) ed al successivo bivio3 svoltare a sinistra seguendo le indicazioni del sent. 4 (ore 0.40 dal Rif. Barbustel). Si scende nel bosco per quasi la totalità del percorso. Il primo tratto non è ripido, siamo in un bosco rado, e ci porta a svoltare verso destra facendo un'ampia curva sino a raggiungere una conca erbosa ed acquitrinosa (piano1, ore 0.15 dal bivio3, ore 0.55 dal Rif. Barbustel) posta poco a valle del lago, percorsa da un ruscello (ruscello2). Superato il ruscello ci si sposta a sinistra per poi svoltare a destra in corrispondenza di una deviazione (bivio5, ore 0.05 dal piano1, ore 1.00 dal rifugio) che tralasciamo. Questo sentiero, che prosegue a sx a mezzacosta, non compare sulle carte ma esaminando il tracciato GPS si deduce che deve ricollegarsi col sent.5 (siamo nel punto in cui i sent. 4 e 5 sono più vicini), a valle dell'Alpe Leser Sup., all'incirca al fondo del grande prato dinanzi alle baite. Si scende più rapidamente con alcuni tornanti, fiancheggiando poi il torrente senza oltrepassarlo (tratto molto bello a mio parere, con sassi e muretti che sostiengono il sentiero lastricato) sino ad fuoriuscire in un'altra conca pianeggiante del tutto simile alla precedente (piano2, ore 0.10 dal bivio5, ore 1.10 dal Rif. Barbustel).

Al termine di questa conca troviamo un ponticello in legno (ponte2) su un ruscelletto che si getta nel torrente prima sfiorato dal percorso. Dopo il ponticello il sentiero prosegue a mezzacosta, quasi pianeggiante, per un bel tratto. Il bosco si fa più fitto ma la traccia è comunque evidente (il wp mezzacosta è preso in una zona più aperta con il sentiero lastricato). Ci si abbassa ancora un poco con alcune curve e dopo comincia la discesa vera e propria spostandosi verso detra ad aggirare la gobba della montagna (discesa, ore 0.30 da piano2, ore 1.40 dal rifugio). Una serie di rettilinei e tornanti ci portano finalmente ad abbassarci di quota sino a raggiungere una strada sterrata che interseca il sentiero trasversalmente prosegue alla nostra sinistra oltre una rete per l'Alpe Perot (pod1, ore 0.35 da discesa, ore 2.15 dal rifugio). Si prosegue scendendo lungo la sterrata a destra che poi svolta a sinistra e si congiunge ad un'altra parallela al tratto precedente (pod2, ore 0.05 da pod1, ore 2.20 totali). Svoltando a sinistra si raggiunge il parcheggio di Blanchet con un percorso pianeggiante ma lungo, svoltando a destra si raggiungono le case di Fosse e poi di Gettaz. Noi proseguiamo senza cambiare direzione, dinanzi a noi un segnale indica che il vecchio sentiero prosegue appena sotto la strada.

Poco dopo un altro segnale giallo individua a destra il sent. 4A per Fosse, dove si ricongiunge alla sterrata e prosegue per Gettaz (bivio6, pochi minuti da pod2). Si scende in un bosco che si apre e ci fa intravedere la nostra destinazione, con alcuni tornanti fiancheggiati da muretti sino ad un ponticello su un rigagnolo e poi in un bosco pianeggiante e molto pulito, nelle vicinanze del Torrente Chalamy, dove vi sono i ruderi di una casa (rudere2). Oltrepassiamo la casa sulla destra per scoprire oltre ad essa il ponte sul Torrente Chalamy, dove vi è anche un cartello di ingresso al parco (ponte3, ore 0.20 dalla sterrata pod2, ore 2.40 totali). Attraversato il ponte, scendiamo lungo il torrente (lato sx orografico) sino ad una stazione meteorologica nascostta fra le piante e ad una deviazione che porta dinanzi essa dove la strada diviene asfaltata (bivio7). Questo è l'unico tratto di sentiero dove è facile perdere la strada anche se siamo ormai a poche centinaia di metri dall'arrivo. In corrispondenza del bivio7 vi è un segnale giallo su un masso ma non numerato (nell'estate 2011) mentre il sentiero prosegue A MONTE della stazione meteo (ovvero si prende il ramo sx al bivio7) e poco dopo sembra svoltare a sinistra e perdersi in un prato. Occorre invece proseguire diritto sotto gli alberi, dove ci si abbassa leggermente, poi si sale facendo una curva a destra seguendo una traccia di sentiero tipico del sottobosco e si arriva dinanzi un muro con una nicchia con crocifisso ben nascosta dal fogliame, che sostiene i prati e le strada sovrastanti. A destra appaiono altre tracce di sentiero da ignorare che scendono sotto gli alberi, a sinistra prosegue la traccia del sentiero 4, un po' inerbata perché poco usata (molti arrivano dalla strada asfaltata che porta alla staz. meteo ed alla casetta acquedotto, per l'accesso alla riserva di pesca presso il ponte) che appare come una striscia di prato. La si risale per fuoriuscire finalmente sulla strada asfaltata poco avanti (strada, ore 0.10 dal ponte3, ore 2.50 totali). Seguendo la strada asfaltata si sale a sinistra raggiungendo prima il bivio per il parcheggio (bivio8) poi lungo il percorso già fatto in auto si raggiunge la deviazione pedonale per La Veulla (bivio1) ed infine il parcheggio di Blanchet (Blanchet, ore 0.10 da strada, ore 3.00 totali dal Rif.. Barbustel)

N.B.:questo sito non utilizza cookies in nessun modo, per maggiori informazioni vedere la pagina Informativa cookies

*

Attenzione: questa pagina fa parte del sito www.msmountain.it. Se stai leggendo questa pagina, o parte del suo contenuto, in un altro sito, o se trovi la stessa pagina priva di questa dicitura, si tratta di una riproduzione non autorizzata il cui contenuto può anche differire dalla pagina originale. Eventualmente puoi segnalare la pagina sospetta al webmaster - (c) 2015 - www.msmountain.it - Tutti i diritti riservati, nessun contenuto di questa pagina può essere riprodotto senza autorizzazione. Per informazioni sul copyright vedi Nota del webmaster.

Galleria fotografica dell'escursione
Escursioni Gallerie fotografiche Rifugi e bivacchi Mappe schematiche

*

Avic Images Ayas Voyages Around my world Appunti e varie
Home Page