Rifugi
e
bivacchi
Bivacco Rosaire et Clermont
Valle di St.
Barthelemy

Il Bivacco Rosaire et Clermont ad inizio stagione invernale (18 ottobre 2009)

Il Bivacco Rosaire et Clermont ad inizio stagione invernale (18 ottobre 2009)

Costruito nel 1989 è un bivacco di recente concezione, ovvero una baita in pietra con belle finiture, come per gli altri bivacchi recenti realizzati in Valle d'Aosta, più integrati nell'ambiente montano. Si trova poco sotto il Colle di Vessona e può essere posto tappa dell'Alta Via 1 sul percorso dal Rifugio di Cuney alla Valpelline, oltre che base di partenza per il panoramico Monte Faroma (mt. 3070, difficoltà F alpinistica, F+ in caso di tracce di neve). Il bivacco dispone di piccolo fabbricato nei pressi adibito a servizio igienico (seguire indicazioni in loco) ed un ampio spiazzo erboso dinanzi con due tavoli con panche ricavati da tronchi in legno, tipo area pic-nic.  La provvista acqua può avvenire per fusione o da ruscelli (nella stagione primaverile) o dal sottostante Lac de Champanement. Una targa in legno, accanto alla porta di ingresso, riporta "Commune de Quart - Bivouac Umberto Rosaire Marco Clermont - Lac de Champanement - Alt 2700 slm - 1989". Libro del bivacco all'interno.



Denominazione: BIVACCO UMBERTO ROSAIRE ET MARCO CLERMONT
Località: Vallone di Chaleby, poco sopra il Lac de Champanement, presso il Colle di Vessona, 
Altitudine: 2704 mt.
Apertura:  permanente
Proprietario: Comune di Quart
Gestore: Comune di Quart - tel. 0165-775708 (Biblioteca del Comune di Quart)
Telefono rifugio: non presente
Posti: 18
Locale invernale: posti 18
Accesso: da Lignan in circa 4 ore (sent. 11-10-10A-AV1), da Porliod in circa 3.30 ore (sentieri 11-11B-11A-10-10A-AV1). Sono possibili collegamenti lungo l'Alta Via 1 con la Valpelline e la Valtournanche.
Escursioni correlate: EVA11 (include il percorso di accesso), EVA02
Sito internet: www.comune.quart.ao.it/
Email: info@comune.quart.ao.it
Coordinate UTM (WGS84): E380232, N5075908 (rilevate il 17 ottobre 2009, dinanzi ingresso)
Rilievo architettonico: R01-bivacco_rosaire-clermont.pdf
Mappa Open Street Map: OSM Mapnik


Note 

Ricezione del telefono cellulare nulla, possibile a tratti nell'alto vallone di Chaleby, prima di giungere al bivacco. La costruzione è in muratura di pietrame su zatterone in pietrame largo 70-80 cm oltre il perimetro dei muri, con copertura in lastre di pietra su orditure in legno e bel pavimento tipo gres, misura esternamente 5,30x6,10 mt con muri perimetrali spessi 50 cm. All'interno è diviso longitudinalmente in due parti uguali, zona giorno (a sx, dove si entra) e zona notte (a dx). La zona giorno è ulteriormente suddivisa da un tramezzo in un ingresso che funge anche da bussola, misura larghezza 2,05 mt x 1,20 mt di profondità, ed è fornita di uno scaffale basso per le masserizie, posto dinanzi una delle tre finestre, vari appendiabiti realizzati in legno scolpito, bombole di riserva del fornello ed un estintore. La seconda stanza (separata da una porta ma il tramezzo è aperto nella parte alta verso il tetto, con una scritta di benvenuto scolpita sul bordo in legno), misura 2,05 mt x 3,70 di profondità, dispone di una finestra laterale, è arredata con lo scaffale per il fornello ed un grande tavolo in legno con quattro panche-cassapanche lungo i due lati, cassetta per la quota di pernotto immurata, altri appendiabiti scolpiti (lato ingresso) e dà accesso alla zone notte (passaggio senza porta). Quest'ultima, di dimensioni 2,05 x 5,10 mt, è munita di una finestra nel mezzo, in asse all'ingresso ed ai lati di tre piani di cuccette per parte (altezze da terra pari a 45, 150 e 255 cm), di tre posti letto affiancati ciascuno di largezza circa 68 cm, accessibili da scalette in legno verticali, inamovibili, poste in corrispondenza della mezzeria della cuccetta stessa, per un totale di 18 posti (in realtà quelli più in alto non sono particolarmente comodi, in particolare i due dove il tetto è più basso e la scala non è proprio comoda). I posti letto sono forniti di materassi "veri" (non in gommapiuma o da roulotte), cuscini e coperte tipo "militare" (non particolarmente pesanti, consigliato saccoletto). L'altezza utile interna va da 2,80 mt ai lati a 3,45 in mezzeria (per lo spessore dei muri e l'altezza elevata può essere problematico scaldare in bivacco ai primi freddi, tanto più che non vi sono né stufa, né canna fumaria). All'atto del mio sopralluogo (18 ottobre 2009) il bivacco risultava fornito di fornello ma non di gas, né di viveri di emergenza (comprensibile poiché ornai si era ad inizio della stagione invernale). Presente cassetta pronto soccorso (vicino l'ingresso), fusto e secchio per scorta acqua, un po' di legna, scope di saggina ed altro per le pulizie, masserizie varie per la cucina (pentole, caffettiere, piatti e tazze), qualche paio di pantofole (zoccoli), una panca all'esterno. In data 18 ottobre 2009 non ho effettuato sopralluogo né fotografato il fabbricato accessorio adibito a servizio igienico.

E' superfluo ricordare che nei bivacchi l'ordine e la pulizia sono affidate all'educazione dei visitatori (almeno spazzare le briciole), come è buona abitudine lasciare un piccolo contributo di viveri confezionati e non velocemente deperibili.

N.B.:questo sito non utilizza cookies in nessun modo, per maggiori informazioni vedere la pagina Informativa cookies

*

Attenzione: questa pagina fa parte del sito www.msmountain.it. Se stai leggendo questa pagina, o parte del suo contenuto, in un altro sito, o se trovi la stessa pagina priva di questa dicitura, si tratta di una riproduzione non autorizzata il cui contenuto può anche differire dalla pagina originale. Eventualmente puoi segnalare la pagina sospetta al webmaster - (c) 2015 - www.msmountain.it - Tutti i diritti riservati, nessun contenuto di questa pagina può essere riprodotto senza autorizzazione. Per informazioni sul copyright vedi Nota del webmaster.

Galleria fotografica del rifugio
Escursioni Gallerie fotografiche Rifugi e bivacchi Mappe schematiche


*

Avic Images Ayas Voyages Around my world Appunti e varie
Home Page